Pantelleria Depositi e Pozzi

Avatar utente
Comgrupsom
Site Admin
Messaggi: 186
Iscritto il: 15/07/2015, 14:56
Contatta:

Pantelleria Depositi e Pozzi

Messaggioda Comgrupsom » 04/08/2015, 17:02

Depositi e Pozzi Fortificati

Immagine
(JU52 che rifornivano la guarnigione tedesca dell'isola)

Al fine di assicurare il rifornimento e la sussistenza della guarnigione erano anche presenti depositi in caverna .
In località “ Cannachi” , al centro dell'isola, ed in località “Ghirlanda” ve ne erano due per le munizioni.
Il magazzino viveri a sud-est del capoluogo.
Il deposito carburanti era stato costruito nella zona nuova del porto, con serbatoi per Regia Marina e Aeronautica, ed erano protetti da terrapieni.
Protetti risultavano anche il molino, il forno e la centrale elettrica.
Il località “Monastero” era posta in galleria la stazione Radio.
Tre pozzi vennero (Lo Pinto, Errera e Valenza) realizzati e potevano fornire 200 Mc di acqua al giorno , il Regio Esercito disponeva di 58 serbatoi metallici da 500, 1000, 1420 lt d.
In ogni batteria si trovava una cisterna da 50 Mc
Nell'abitato vi erano due pozzi : 1 da 7500 lt di acqua dolce all'ora e il secondo da 3700 lt all'ora veniva usato per rifornire l'aereoporto.
Al 21 Maggio si poteva valutare un'autonomia idrica di 30 giorni.
Nell'area cittadina esistevano due ospedali da campo , uno dell'aeronautica e uno della Regia Marina , l'ospedale dell'Regio Esercito si trovava in contrada “Kamma”.
Nella banchina portuale era stato realizzato un deposito siluri per MAS.

-Da documenti alleati , negli edifici del porto non erano state piazzate ne mine , ne circuiti o trappole esplosive.
-Il porto era privo sia di una rete subacqua di protezione che di ostacoli sommersi.

Immagine
(MZ colpita nel porto di Pantelleria - Imperial War Museum -Londra CMA 887)

I rifornimenti Navali a Pantelleria

Per il rifornimento navale dell'isola nel periodo 17 maggio al 10 giugno via mare gli italiani impiegarono dai porti siliciani di Trapani, Mazara del Vallo e Porto Empedocle :
-9 motozattere
-Cisterna Mil. ARNO
-Naviglio requisito vario
-10 unità della 2 Sq. MAS per la scorta
Le perdite furono di una MZ al largo della sicilia e 3 a pantelleria (3 giugno)
Il 4 giugno la cisterna Arno sbarcò 130 t di acqua.

Immagine
(Traghetto "Siebel" tedesco armato con mitragliatrice leggere e cannoncino AA da 37 mm presente nell'isola - US National Archivies , Washington D.C.)

I rifornimenti Aerei a Pantelleria

-8 maggio andò perso uno “JU52” tedesco con materiali destinati alla guarnigione tedesca
-13 maggio abbattimento di un trimotore “G12” del 48° stormo
-14 maggio un altro “G12” ebbe un incidente in fase di atterraggio
-16 maggio due “G12” e un “SM82” atterrarono
-Il 20 maggio erano presenti nell' isola per trasporto materiali 5 aerei “JU52”
-2 Giugno atterra un “SM81
-5 giugno atterra un ”SM81”
-6 giugno due “SM82”
-7 giugno 1 “SM81” con 1700 kg di munizioni e 3 “S81” con rifornimenti
-8 giugno 3 S81 con 2500 kg di munizioni per l'Esercito, 1750 per Marina e 800 per aeronautica
-9 giugno 3 S81 con munizioni e medicinali + 7 JU52
-10 giugno l'aeroporto è inagibile per bombardamenti

Immagine
Immagine

Ti è piaciuto l'articolo? Condividilo sui Social Network :)



Torna a “PANTELLERIA”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite